Spreco alimentare globale per Paese: chi spreca più cibo?

written by IFCO SYSTEMS, 26th Ottobre 2023, in Stories

Troppo cibo prodotto per il consumo umano va sprecato. Ma è vero che a livello globale un terzo del nostro cibo non viene mai consumato? Sebbene ogni Paese stia affrontando la propria battaglia contro lo spreco alimentare, l’entità del problema varia da Paese a Paese.

Nel 2023, quali saranno i Paesi con i maggiori sprechi alimentari al mondo?

Source: www.fao.org/save-food/resources/infographic/en/

Spreco alimentare globale nel 2023

Quali sono i dati principali sullo spreco alimentare globale nel 2023?

Nel 2011, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) ha pubblicato un rapporto perspicace, ma terrificante, intitolato All’epoca, lo studio della FAO stimava che circa un terzo del cibo mondiale viene sprecato ogni anno. Il tutto per un totale di 1,3 miliardi di tonnellate ed un valore di quasi mille miliardi di dollari.

Inoltre, questo problema globale ha un costo elevato per il pianeta: si stima che lo spreco di cibo generi l’8-10% delle emissioni globali di gas serra (GHG). Se la perdita e lo spreco di cibo fossero classificati come un Paese, sarebbero al terzo posto per emissioni di gas serra nel mondo, dopo Cina e Stati Uniti. Con un’impronta di carbonio di circa 3,3 miliardi di tonnellate di CO2, lo spreco alimentare è uno dei principali responsabili del cambiamento climatico.

Quanti progressi abbiamo fatto dalla prima pubblicazione del rapporto? Non abbastanza.

La perdita e lo spreco di cibo sono ancora un grosso problema nel 2023

A seguito del rapporto FAO, le Nazioni Unite hanno fissato un obiettivo di riduzione delle perdite e degli sprechi alimentari come uno dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile del mondo, noto come Obiettivo 12.3 degli SDG.

L’Obiettivo 12.3 invita il mondo a dimezzare le perdite e gli sprechi alimentari entro il 2030. Champions 12.3, una coalizione internazionale che comprende 30 alti dirigenti di governi, aziende e istituti di ricerca, cerca di motivare la comunità globale a fare di più per affrontare il problema.

In primo luogo, si tratta di adottare un approccio di tipo Obiettivi-Misure-Azioni alla riduzione delle perdite alimentari. Fissando degli obiettivi e misurando poi gli sprechi alimentari, dovrebbe essere possibile intraprendere azioni appropriate per dimezzare gli sprechi alimentari entro il 2030.

Come si sta muovendo il mondo per ridurre la perdita e lo spreco di cibo nel 2023?

Secondo la valutazione 2023 dei progressi mondiali verso il raggiungimento dell’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile 12.3, l’ambizioso obiettivo di dimezzare gli sprechi alimentari appare ancora sfuggente in ogni regione del mondo.

Source: www.fao.org/save-food/resources/infographic/en/

Calcolo delle perdite e degli sprechi alimentari per Paese

Tracciare, misurare e calcolare le perdite e gli sprechi alimentari pro capite per Paese è un processo complesso.

Un modo per guardare al problema è attraverso la lente della quantità di cibo sprecato pro capite in ciascun Paese, nonché della sua distribuzione nella catena di approvvigionamento. Questa prospettiva può aiutarci a capire meglio le cause dello spreco alimentare e permettere che una parte maggiore del raccolto arrivi in tavola.

Non è un compito facile, ma è ora che la comunità internazionale dia priorità a questo tema.

La FAO e il Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (UNEP) hanno collaborato nel tentativo di calcolare stime più precise. Per dare una visione più chiara del problema complessivo, distinguono tra "perdita di cibo" e "spreco di cibo". Di conseguenza, esiste un indice separato per ciascuno di essi.

Indice di perdita alimentare

L’indice di perdita alimentare analizza ciò che viene perso durante la produzione o nella catena di approvvigionamento alimentare prima che gli alimenti raggiungano i rivenditori.

Indice di spreco alimentare

L’indice di spreco alimentare si concentra sul cibo che viene gettato via alla fine della catena di approvvigionamento da parte di rivenditori e consumatori.


Sebbene l’Indice dello spreco alimentare sia ancora un lavoro in corso, il primo Indice delle perdite alimentari è incluso nell’ultimo rapporto annuale della FAO, The State of Food and Agriculture 2019. Le prime stime indicano che, in media, circa il 14% del cibo mondiale va perso tra il raccolto e la vendita al dettaglio.

In generale, lungo la catena di approvvigionamento globale si perdono più frutta e verdura di qualsiasi altro alimento. Forse non sorprende, vista la loro natura deperibile. Considerando le risorse utilizzate – e poi sprecate – per la produzione di questi prodotti freschi, dovrebbe essere più sorprendente che questo livello di spreco alimentare sia ancora accettato.

Source: SDG Target 12.3 on Food Loss and Waste: 2023 Progress Report

Ridurre le perdite alimentari lungo la filiera del fresco

La perdita di cibo lungo la filiera dei prodotti alimentari freschi varia notevolmente da una regione all’altra. Nei Paesi in via di sviluppo, ad esempio, tende a verificarsi nelle prime fasi della filiera alimentare. Ciò è spesso dovuto a limitazioni nelle tecniche di raccolta, stoccaggio e infrastrutture di trasporto.

Ecco perché vediamo quanto segue:

  • In Australia e Nuova Zelanda il 5-6% di tutti gli alimenti va perso lungo la catena di approvvigionamento.
  • In Asia centrale e meridionale, questa percentuale sale al 20-21%.
  • In Europa e Nord America la perdita di cibo si aggira intorno al 16%.

Queste differenze indicano che la perdita di cibo deve essere affrontata prevalentemente a livello nazionale e regionale. Le soluzioni varieranno e dipenderanno anche dalle condizioni locali, dai prodotti, dalle infrastrutture di trasporto e dal comportamento dei consumatori.

Molte idee innovative per eliminare gli sprechi alimentari e agricoli sono già state trasformate in soluzioni pratiche. Le migliori confermano che non è sufficiente concentrarsi solo sulle medie globali. Tuttavia, le migliori pratiche includono sempre misure solide per garantire la sicurezza alimentare lungo tutta la catena di approvvigionamento.

I consumatori sprecano davvero la maggior parte del cibo?

I consumatori continuano a buttare via cibo perfettamente commestibile. Questo è vero soprattutto per i Paesi industrializzati. Tuttavia, la complessità dello spreco alimentare impedisce un confronto chiaro e diretto tra i consumatori di diversi Paesi.

Purtroppo, lo spreco alimentare viene misurato e presentato in modi diversi nei vari Paesi. Ciononostante, esistono alcune interessanti statistiche sullo spreco alimentare che è importante evidenziare.

  • Gli Stati Uniti: nel 2021, ReFED, un’organizzazione no-profit statunitense, ha stimato che i consumatori buttano via collettivamente più di tutti i rivenditori negli Stati Uniti. In totale, le famiglie statunitensi sprecano circa il 48% delle eccedenze alimentari, il che significa che 44 milioni di tonnellate di cibo, sui 241 milioni prodotti negli Stati Uniti, vengono inviati dalle case alle discariche. Secondo Save the Food, una campagna nazionale di servizio pubblico, per una famiglia media di quattro persone, questo potrebbe tradursi in una perdita finanziaria annuale di 1.500 dollari.
  • L´UE: a causa della mancanza di dati coerenti per tutti gli Stati membri dell’UE, è difficile calcolare le cifre per l’Europa per Paese. Le stime più recenti e complete dei livelli di spreco alimentare in Europa provengono dal progetto UE FUSIONS (Food Use for Social Innovation by Optimising Waste Prevention Strategies). Il progetto rivela che oltre il 50% dei rifiuti alimentari commestibili e non commestibili nell’UE proviene dalle famiglie. Si tratta di 47 milioni di tonnellate di rifiuti, per un costo di 98 miliardi di euro all’anno.
  • Il Regno Unito: i rifiuti alimentari domestici nel Regno Unito rappresentano il 70% di tutti i rifiuti alimentari commestibili, secondo l’associazione benefica WRAP. Le famiglie britanniche sprecano ancora 4,5 milioni di tonnellate di cibo all’anno che avrebbero potuto essere consumate.
  • Australia: Secondo le stime del governo, l’Australia spreca ogni anno un totale di 7,3 milioni di tonnellate di cibo, che potrebbero costare all’economia circa 20 miliardi di dollari australiani all’anno.

Quali sono i Paesi che sprecano meno cibo?

Non manca molto al 2030, anno in cui molti Paesi si sono impegnati a raggiungere l’obiettivo 12.3 dell’SDG per dimezzare la perdita e lo spreco di cibo. Tuttavia, secondo l’ultimo rapporto sull’Indice dello spreco alimentare, pubblicato nel 2021 dal Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente, i progressi sono stati generalmente troppo lenti. A parte qualche eccezione. Quali Paesi stanno intraprendendo azioni chiare per ridurre la perdita e lo spreco di cibo?

Il Regno Unito

Sebbene le cifre per il Regno Unito siano ancora troppo alte, il Paese ha fatto progressi. Infatti, il Regno Unito è il primo Paese ad essere arrivato a più di metà strada verso il raggiungimento dell’obiettivo 12.3 dell’SDG, che prevede il dimezzamento degli sprechi alimentari entro il 2030. Un risultato che gli è valso una menzione d’onore nel rapporto Champions 12.3 Food Loss and Waste: 2020 Progress Report.

Tra il 2007 e il 2018, il Regno Unito ha ridotto i livelli nazionali del 27%. La chiave del successo del Regno Unito è stato l’impegno dei supermercati e dell’industria alimentare. Anche i programmi di educazione dei consumatori, come Love Food, Hate Waste, hanno svolto un ruolo importante.

L´UE

Per affrontare la perdita e lo spreco di cibo lungo l’intera catena di approvvigionamento, la Commissione europea ha anche pubblicato una guida chiara per la segnalazione obbligatoria dei livelli di spreco alimentare da parte degli Stati membri.

Sono stati proposti obiettivi vincolanti a livello europeo per la riduzione dei rifiuti alimentari, che aiuteranno i Paesi a concentrarsi sul raggiungimento dell’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile 12.3 di dimezzare le perdite e gli sprechi alimentari entro il 2030.

Cina

Nel 2021, nel tentativo di ridurre la perdita e lo spreco di cibo nell’ospitalità, la Cina ha introdotto una legge per multare la preparazione e il consumo eccessivo di cibo. Nel 2022 ha pubblicato un piano d’azione per la riduzione delle perdite e degli sprechi alimentari, finalizzato a ridurre le perdite e gli sprechi lungo l’intera filiera alimentare.

Che cosa ha un impatto sulla riduzione degli sprechi alimentari?

Così come le ragioni per cui sprechiamo cibo sono complesse, lo sono anche le soluzioni. Gli obiettivi ambientali possono fungere da quadro generale per sostenere l’azione collettiva volta a dimezzare gli sprechi alimentari entro il 2030, compreso l’obiettivo 12.3 degli SDG.

Tuttavia, il successo dipenderà da un approccio olistico e multiforme, oltre che da iniziative governative.

Esempi recenti sono la Strategia Farm to Fork dell’UE del maggio 2020 e la Strategia nazionale australiana sullo spreco alimentare. Entrambe hanno l’obiettivo di dimezzare gli sprechi alimentari entro il 2030. Questi programmi forniranno principalmente supporto, consulenza e strumenti finanziari per facilitare la transizione verso sistemi alimentari più sostenibili.

La Francia, invece, ha adottato una linea molto più severa. Nel 2016 ha introdotto una legislazione che impone ai supermercati di ridistribuire il cibo commestibile alle banche alimentari e agli enti di beneficenza. I gestori che violano la legge rischiano una pena detentiva di due anni e multe salate.

Perché ridurre gli sprechi alimentari deve essere una priorità

Ridurre in modo efficiente gli sprechi alimentari lungo la catena di approvvigionamento e in tutte le nostre famiglie può portare a uno scenario vantaggioso per tutti. Dimezzare gli sprechi alimentari potrebbe contribuire a soddisfare la domanda di nutrizione della nostra popolazione in crescita. E allo stesso modo ridurre al minimo gli effetti negativi dell’agricoltura sull’ambiente.

Salva vite umane, riduce i costi e contribuisce a proteggere il pianeta per le generazioni future. Mettere la riduzione degli sprechi alimentari in cima alle nostre priorità significa avere meno a che fare con lo smaltimento degli alimenti alla fine, considerando che le discariche di rifiuti alimentari sono una delle principali fonti di gas metano, che contribuisce anche al cambiamento climatico.

Come dimostrano i vari rapporti, le perdite e gli sprechi alimentari possono verificarsi in ogni fase della catena di approvvigionamento. Le aziende che svolgono un ruolo di primo piano nella catena di approvvigionamento globale di prodotti alimentari freschi possono fungere da catalizzatori del cambiamento. IFCO sta raccogliendo la sfida progettando soluzioni di imballaggio riutilizzabili che riducono drasticamente gli sprechi alimentari.

Gli elementi chiave di qualsiasi soluzione solida comprendono imballaggi più sostenibili per garantire la sicurezza alimentare lungo la catena di approvvigionamento, assicurando ai prodotti freschi una durata di conservazione più lunga nei negozi al dettaglio e nelle case private. Soprattutto durante il trasporto, l’uso di contenitori di imballaggio riutilizzabili (RPC) potrebbe ridurre ulteriormente le perdite e gli sprechi alimentari. In particolare, i nostri RPC riducono i danni ai prodotti fino al 96%, riducendo in modo significativo gli sprechi.

In conclusione, una chiara comprensione e un impegno verso l’economia circolare saranno fondamentali per il successo e per il bene dell’ambiente.

Potresti trovare interessanti anche i seguenti articoli

Iscriviti ora alla nostra newsletter!

Ricevi approfondimenti dedicati alla catena di approvvigionamento dei prodotti alimentari freschi direttamente nella tua casella di posta. Siamo entusiasti di aiutarti a navigare tra le principali opportunità di questo importante settore.

Acconsento a ricevere comunicazioni da IFCO e al trattamento dei miei dati personali. Vorremmo contattarti occasionalmente al fine di informarti in merito ai nostri prodotti e servizi (ad esempio, via e-mail), nonché ad altri contenuti che potrebbero essere di tuo interesse. Se acconsenti, spunta la casella. Potrai ritirare il tuo consenso in qualsiasi momento. Ti invitiamo a consultare la nostra informativa sulla privacy per ulteriori informazioni in merito al trattamento dei dati personali. *

* campo obbligatorio

followNewsletter
Come possiamo aiutarti?