IFCO ottiene risparmi ambientali da record e premia i clienti con certificati di sostenibilità

written by IFCO SYSTEMS, 13th Febbraio 2024, in Notizie

Monaco di Baviera, Germania, 15 febbraio 2024: Dopo un altro anno record in termini di risparmio ambientale, IFCO, fornitore leader mondiale di cassette per imballaggi riutilizzabili (RPC) per prodotti freschi, ha premiato i clienti con il certificato di sostenibilità per il settimo anno consecutivo.

I certificati dei singoli clienti riconoscono l’impegno di coltivatori, produttori e rivenditori a migliorare le prestazioni ambientali delle loro catene di approvvigionamento. È importante sottolineare che ogni certificato evidenzia i risparmi ambientali specifici ottenuti insieme ad IFCO in termini di emissioni di carbonio, consumo di energia e acqua, nonché di rifiuti solidi e rifiuti alimentari.

Certificato di sostenibilità

Risparmio ambientale record raggiunto nel 2023

In totale, utilizzando il modello di business circolare IFCO SmartCycle, nel 2023 i clienti hanno generato i seguenti risparmi ambientali.

0 tonnellate di emissioni di CO2

0 megalitri d'acqua

0 TJ di energia

0 tonnellate di rifiuti solidi

0 tonnellate di rifiuti alimentari

0 volte il giro del pianeta in auto

0 piscine olimpioniche

0 famiglie - consumo energetico annuo

0 persone - produzione annuale di rifiuti solidi

0 milioni di pasti

Il ruolo delle valutazioni del ciclo di vita e del certificato di sostenibilità di IFCO

Sulla base dei risultati di studi di valutazione del ciclo di vita di terze parti sottoposti a revisione paritaria, IFCO calcola in modo affidabile i vantaggi ambientali derivanti dall’utilizzo delle RPC di IFCO e assegna ogni anno ai propri clienti certificati di sostenibilità ufficiali. Gli studi LCA,1 condotti dagli esperti LCA Franklin Associates negli Stati Uniti e dal Fraunhofer Institute nell’UE, hanno quantificato scientificamente le prestazioni ambientali delle RPC di IFCO rispetto agli imballaggi monouso. Gli studi sono stati condotti in conformità alla norma ISO 14040/44, il principale standard internazionale per gli studi di valutazione del ciclo di vita (LCA), la fase di valutazione dell’impatto del ciclo di vita (LCIA) e gli studi di inventario del ciclo di vita (LCI).

Analizzando le emissioni di carbonio, il consumo di energia, il consumo di acqua, i rifiuti solidi e gli sprechi alimentari, questi studi forniscono dati completi sui risparmi ambientali ottenuti grazie al passaggio dagli imballaggi monouso alle RPC di IFCO.

Gli studi LCA dimostrano che, rispetto all’utilizzo di imballaggi monouso, i clienti generano fino al 60% in meno di CO2e, consumano il 64% in meno di energia, consumano l’80% in meno di acqua e riducono i rifiuti solidi dell’86%. Inoltre, uno studio dell’Istituto Fraunhofer e dell’Università di Bonn ha rilevato che le RPC di IFCO riducono anche gli sprechi alimentari del 96%.2

In sostanza, i vantaggi ambientali si ottengono grazie al fatto che le RPC di IFCO vengono riutilizzate fino a 120 volte, riparate quando danneggiate e, quando non più riparabili, granulate per essere riciclate a circuito chiuso in nuove RPC al termine della loro lunga vita utile. Questo modello circolare unico nel suo genere ha recentemente ricevuto il prestigioso Certificato® Cradle to Cradle Argento per le RPC europee della serie Lift Lock. Inoltre, l’esclusivo sistema di pooling IFCO SmartCycle è gestito in modo professionale attraverso centri di assistenza ad alta tecnologia ed efficienti dal punto di vista delle risorse, che supportano produttori, fornitori, distributori e rivenditori nel raggiungimento dei loro ambiziosi obiettivi di sostenibilità e nella riduzione dell’impatto ambientale complessivo delle loro catene di fornitura.

Oltre lo SmartCycle di IFCO

Sebbene gli studi LCA confermino che il modello di business circolare di IFCO è intrinsecamente sostenibile, l’azienda si impegna ad ottenere ancora di più. Guidata dalla sua strategia ESG (Environmental, Social, Governance) 2025, Thriving in the Circular Economy, IFCO ha fissato obiettivi ambiziosi per rendere sostenibile la catena di approvvigionamento dei prodotti alimentari freschi e garantire un impatto positivo significativo sul nostro pianeta e sulla società. Il rapporto IFCO ESG 2023 conferma che l’azienda è sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi ESG per il 2025, tra cui la garanzia del 100% di elettricità verde certificata per tutti i centri di assistenza gestiti da IFCO e il raggiungimento della neutralità carbonica nelle operazioni.

Inoltre, IFCO si è ufficialmente impegnata a fissare obiettivi di riduzione delle emissioni di carbonio in linea con la scienza. Entro il 2040, IFCO intende decarbonizzare completamente la propria catena di approvvigionamento e diventare un’azienda a zero emissioni nette. Le principali leve e tappe fondamentali della decarbonizzazione sono delineate in dettaglio nella roadmap verso l’azzeramento delle emissioni nette. Inoltre, l’iniziativa Science Based Targets, un organismo indipendente, ha convalidato gli obiettivi scientifici a breve termine (SBT) di IFCO per il 2031, confermando che gli obiettivi dell’azienda per la riduzione delle emissioni di gas serra (GHG) sono in linea con uno scenario di 1,5 gradi, come raccomandato dall’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC).

I vantaggi ambientali delle RPC di IFCO sono misurabili e di grande impatto

Dal 1992, anno in cui IFCO è stata pioniera nelle soluzioni di imballaggio riutilizzabili, l’azienda ha continuato a investire nel suo modello di business circolare per sostenere l’obiettivo di rendere sostenibile la catena di approvvigionamento dei prodotti alimentari freschi. In risposta alla domanda dei propri clienti, IFCO ha introdotto per la prima volta i certificati di sostenibilità nel 2018, in modo che ogni cliente potesse evidenziare l’impatto ambientale positivo della propria decisione di passare alle RPC di IFCO. L’assegnazione del certificato è anche una chiara approvazione dei valori di sostenibilità di un’azienda.

“Grazie ai nostri investimenti in strutture high-tech e soluzioni digitali, stiamo rendendo il sistema di pooling IFCO SmartCycle ancora più efficiente, a vantaggio dei nostri clienti, della nostra società e del nostro pianeta.”

Michael Pooley

IFCO CEO

"Per il settimo anno consecutivo, siamo lieti di premiare i nostri clienti con i certificati di sostenibilità IFCO come riconoscimento del loro impegno e dei loro progressi nell’accelerare il passaggio ad una catena di approvvigionamento sostenibile" spiega.

Inigo Canalejo, Vice President, ESG and Strategic Marketing, afferma: "Ci assicuriamo che l’impatto del nostro modello di business circolare sia misurabile. Come hanno costantemente dimostrato gli studi LCA indipendenti, supportiamo i nostri clienti nella transizione verso l’economia circolare e la riduzione dell’impatto ambientale. Il nostro approccio trasparente consente ai nostri clienti di prendere decisioni informate sull’impatto ambientale delle loro scelte in materia di imballaggi riutilizzabili. Sempre più spesso, i clienti di IFCO sottolineano l’impatto positivo dell’utilizzo delle nostre RPC, includendo questi risparmi ambientali nei loro report ESG e condividendoli con i loro dipendenti, clienti e altre parti interessate. E questo ci rende orgogliosi".

1
“Carbon Footprint of Food Packaging” della Stiftung Initiative Mehrweg (SIM) – The Foundation for Reusable Systems e condotto dal Fraunhofer Institute for Building Physics (IBP) in conformità con gli standard internazionali sulla valutazione del ciclo di vita (LCA) ISO 14040/44, – Revisione critica da parte di DEKRA. Febbraio 2018. “Comparative life cycle assessment of reusable packaging containers and display- and non-display-ready corrugated containers used for fresh produce applications” LCA commissionato da IFCO e condotto da Franklin Associates, sottoposto a revisione paritaria da parte di membri del panel (BAMAC, Ltd. e University of Michigan, Center for Sustainable Systems) in conformità con gli standard internazionali sulla valutazione del ciclo di vita (LCA) ISO14040/14044, Febbraio 2017, I fattori di conversione provengono da varie organizzazioni ben riconosciute come l’EPA.
2
“Determination of spoilage levels of fresh fruit and vegetables according to the type of packaging” della Stiftung Initiative Mehrweg (SIM) – The Foundation for Reusable Systems e condotto dall’Istituto Fraunhofer per la logistica e il flusso dei materiali. Maggio 2013.

Potresti trovare interessanti anche i seguenti articoli

Stay up to date

Want the latest fresh food packaging industry knowledge delivered straight to your inbox? Subscribe to our newsletter and get the latest news, trends, articles and more!

Acconsento a ricevere comunicazioni da IFCO e al trattamento dei miei dati personali. Vorremmo contattarti occasionalmente al fine di informarti in merito ai nostri prodotti e servizi (ad esempio, via e-mail), nonché ad altri contenuti che potrebbero essere di tuo interesse. Se acconsenti, spunta la casella. Potrai ritirare il tuo consenso in qualsiasi momento. Ti invitiamo a consultare la nostra informativa sulla privacy per ulteriori informazioni in merito al trattamento dei dati personali. *
followNewsletter
Come possiamo aiutarti?