3 semplici modi per migliorare la tua catena di fornitura alimentare nel 2024

written by IFCO SYSTEMS, 28th Novembre 2023, in Stories

Come potete introdurre cambiamenti positivi nella vostra catena di approvvigionamento alimentare nel 2024 senza spendere un capitale in nuove tecnologie? Ecco alcuni semplici modi per dare una spinta alla vostra catena di approvvigionamento nel corso del prossimo anno.

Catena di fornitura alimentare

Un nuovo sguardo alla sicurezza delle scaffalature e alla formazione del vostro personale

La filiera dei prodotti freschi è progettata per ottimizzare la movimentazione, il trasporto e lo stoccaggio di prodotti pallettizzati – ovvero, il carico unitario. Gli sforzi per migliorare l’efficienza delle operazioni di carico unitario in qualsiasi punto della catena di approvvigionamento possono generare risultati positivi. Proprio per ottenere questi risultati, tuttavia, è necessario assicurarsi che tutto il personale riceva una formazione aggiornata sulla supply chain.

Quando si tratta di stoccaggio di unità di carico, le scaffalature in acciaio, che si trovano nei capannoni di imballaggio, negli impianti di lavorazione, nei centri di distribuzione e nelle aree di stoccaggio dei punti vendita, sono l’elemento critico. Se le scaffalature non sono installate, mantenute e riparate correttamente, c’è il rischio di guasti catastrofici che potrebbero causare lesioni o addirittura la morte dei lavoratori.

Va prestato un certo livello di attenzione alle scaffalature di stoccaggio, le quali sono sottoposte a un controllo sempre più attento: a partire dal 1° gennaio 2018, WorkSafeBC ha introdotto nuove norme per garantire la sicurezza dei lavoratori in prossimità delle scaffalature di stoccaggio. Esse riguardano i sistemi di scaffalature di altezza superiore a 8 piedi (~2,4m) o i sistemi di scaffalature di altezza inferiore a 8 piedi se i carichi sono movimentati da un carrello elevatore. Sebbene la sicurezza dei lavoratori sia stata a lungo tutelata dalla clausola del dovere generale dell’OSHA o dai requisiti delle condizioni generali di altre legislazioni in materia di sicurezza, i requisiti dettagliati di WorkSafeBC hanno influenzato altre giurisdizioni a prestare maggiore attenzione ai sistemi di scaffalature.

“Lo spirito delle nuove norme sulle scaffalature della BC è già radicato in tutte le giurisdizioni nordamericane. Ogni azienda ha il dovere di garantire la sicurezza dei lavoratori.”

Dan Beer, RackSafe Inspection and Compliance Training

I gestori dei sistemi a scaffale devono assicurarsi che siano ispezionati regolarmente da una persona qualificata che documenti eventuali problemi e faccia in modo che le carenze riscontrate siano affrontate. La conformità non è sempre facile quando ci si destreggia tra priorità concorrenti e disponibilità del personale: richiede un cambiamento di mentalità e talvolta una formazione aggiuntiva sulla catena di approvvigionamento. L’ispezione non è solo un processo che va fatto quando si può, ma è imperativo eseguirla regolarmente.

La programmazione del personale è stata identificata come uno dei principali problemi della catena di approvvigionamento

Forse uno dei problemi più inaspettati della supply chain è stato identificato recentemente da una ricerca di Rotageek, che ha rilevato come per il 22% dei retailer la programmazione del personale sia la frustrazione più importante. Lo studio ha rilevato che il 65% degli intervistati ritiene che avere le persone giuste con le competenze giuste al momento giusto sia una sfida importante. Quasi la metà dei partecipanti (49%) ha dichiarato a Rotageek che i propri dipendenti non sono soddisfatti dei turni assegnati, mentre il 41% ha affermato che i propri dipendenti hanno dovuto saltare appuntamenti importanti o impegni personali perché non potevano cambiare il proprio turno di lavoro.

La programmazione del personale, pur essendo un importante problema nell’ambito della catena di approvvigionamento, a volte non riceve l’attenzione che merita. Troppo spesso i manager inseriscono le esigenze di pianificazione del personale nella categoria "importante ma non urgente", con il risultato che la creazione di una pianificazione passa in secondo piano rispetto ad altre questioni urgenti, ma non necessariamente importanti, che immancabilmente si presentano. Dedicare alla programmazione il tempo che merita, instaurando al contempo una comunicazione aperta con i dipendenti e una cultura di fiducia, può contribuire a rendere i programmi più produttivi e a rendere il personale non solo più impegnato, ma anche più felice.

Trasparenza della catena di approvvigionamento: portare visione e valori aziendali in prima linea

Sebbene la trasparenza della supply chain a livello operativo rimanga un punto focale, è essenziale considerare anche la trasparenza a livello organizzativo. Una visione aziendale unificante e dei valori guida possono essere un elemento di differenziazione fondamentale per le organizzazioni, aiutando ad allineare le azioni e le aspirazioni dei dipendenti verso il vero obiettivo dell’azienda. Purtroppo, troppo spesso i membri del team non sembrano recepire il messaggio. Uno studio ha rilevato che il 60% dei dipendenti non conosce la visione della propria azienda. Analogamente, uno studio Gallup ha rilevato che solo il 40% dei millennial si sente fortemente legato alla missione del proprio datore di lavoro. Per questo motivo, l’introduzione della necessaria trasparenza in termini di obiettivi e direzione generale dell’azienda può avere un grande impatto sulla catena di approvvigionamento.

Secondo una recente ricerca, le organizzazioni ad alto scopo ottengono prestazioni superiori se la direzione ha una visione chiara della direzione dell’azienda e trasmette questo messaggio ai dipendenti. I quadri e i lavoratori professionisti sono stati ritenuti fondamentali per comunicare lo scopo dell’azienda ai dipendenti in prima linea.

Quest’anno, prendetevi il tempo di parlare con i dipendenti della visione della vostra azienda e di capire come il loro ruolo sia fondamentale per sostenere le aspirazioni aziendali generali. Potrebbe essere la cosa più importante dell’anno.

Le persone chiedono anche

> La catena di approvvigionamento come vantaggio competitivo

Una catena di fornitura ben funzionante può rappresentare un vantaggio competitivo significativo per un’azienda. Una catena di approvvigionamento efficiente e ben gestita può ridurre i costi, aumentare la velocità di consegna, migliorare la qualità dei prodotti e offrire una migliore esperienza ai clienti. La logistica circolare con i contenitori per imballaggi riutilizzabili (RPC) per i prodotti freschi, ad esempio, può ottimizzare la catena di approvvigionamento, ridurre gli sprechi, preservare la freschezza dei prodotti e promuovere la sostenibilità: tutti elementi che possono dare alla vostra azienda un vantaggio competitivo.

> Supply chain vs value chain

La catena di approvvigionamento e la catena del valore sono correlate, ma hanno obiettivi distinti. La supply chain si occupa principalmente dei processi e delle attività coinvolte nell’approvvigionamento, nella produzione e nella consegna dei prodotti. La catena del valore, invece, comprende l’intera sequenza di attività che aggiungono valore a un prodotto, tra cui il marketing, le vendite, il servizio clienti e altro ancora. La logistica circolare con gli RPC nella consegna dei prodotti freschi può avere un impatto sia sulla catena di approvvigionamento che sulla catena del valore, migliorando l’efficienza, la sostenibilità e la durata dei prodotti. La tecnologia all’avanguardia di tracciabilità e rintracciabilità può migliorare ulteriormente la trasparenza della catena di fornitura e inviare avvisi se i prodotti freschi viaggiano in condizioni non ottimali, ad esempio a temperature non adeguate, portando a una riduzione degli sprechi alimentari e a un risparmio sui costi.

Potresti trovare interessanti anche i seguenti articoli

Stay up to date

Want the latest fresh food packaging industry knowledge delivered straight to your inbox? Subscribe to our newsletter and get the latest news, trends, articles and more!

Acconsento a ricevere comunicazioni da IFCO e al trattamento dei miei dati personali. Vorremmo contattarti occasionalmente al fine di informarti in merito ai nostri prodotti e servizi (ad esempio, via e-mail), nonché ad altri contenuti che potrebbero essere di tuo interesse. Se acconsenti, spunta la casella. Potrai ritirare il tuo consenso in qualsiasi momento. Ti invitiamo a consultare la nostra informativa sulla privacy per ulteriori informazioni in merito al trattamento dei dati personali. *
followNewsletter
Come possiamo aiutarti?