Caso di riferimento SIIM: proteggere gli ananas freschi non è un'impresa facile

written by IFCO SYSTEMS, 8th Luglio 2021, in Casi di riferimento

Proteggere gli ananas freschi in fase di trasporto, dal produttore al dettagliante, è una procedura sorprendentemente complicata. Vincent Omer-Decugis di Omer-Decugis & Cie spiega le ragioni per cui il suo gruppo utilizza le RPC IFCO per il trasporto della frutta esotica. I dolci ananas ecuadoriani vengono protetti dai danni utilizzando procedure ottimizzate durante il viaggio verso l’Europa, fino alla piattaforma all’avanguardia dell’azienda, presso il famoso mercato internazionale di Parigi-Rungis, specializzato in prodotti tropicali e frutta matura.

Come vengono trasportati in Europa gli ananas freschi?

Il trasporto degli ananas ecuadoriani Extra Sweet Terrasol a bordo di container refrigerati fino al porto olandese di Rotterdam richiede in media 16 giorni. Da Rotterdam, gli ananas vengono trasportati su camion a uno dei principali impianti di maturazione europei, di proprietà di SIIM, una società controllata del gruppo internazionale Omer-Decugis & Cie.

SIIM produce, importa, porta a maturazione e distribuisce un’ampia gamma di frutta e verdura esotica fresca di alta qualità, tra cui gli ananas che attraversano il canale di Panama diretti in Europa. Qual è la prima destinazione a Parigi? L’impianto di maturazione dell’azienda, con sede presso il famoso mercato internazionale di Parigi-Rungis.

Inaugurato nel 2020, occupa un’area di 12.000 m² e vanta una capacità di maturazione simultanea pari a 67 autocarri (1.608 pallet). Il potenziale di stoccaggio è pari a 1.000 pallet, corrispondenti a una capacità annuale di oltre 100.000 tonnellate di frutta esotica. All’interno, troviamo celle frigorifere specificamente concepite per la conservazione degli ananas, dotate di ventilazione ottimale, estrattori di etilene e un impianto di stoccaggio all’avanguardia. Si tratta di una piattaforma senza paragoni in Francia in termini di tecnologia e dimensioni.

Vincent Omer-Decugis, CEO di Omer-Decugis & Cie, conosce perfettamente l’itinerario percorso dagli ananas: lo segue da vicino, ma con la massima calma, certo del fatto che i frutti esotici non potrebbero trovarsi in mani migliori. Sistemati con cura nelle RPC IFCO, gli ananas sono protetti in maniera ottimale dai danni e arrivano al centro di Parigi-Rungis pronti per la maturazione. C’è un buon motivo per cui Vincent Omer-Decugiinsiste sulle RPC IFCO per i suoi ananas: aiutano a vincere la corsa contro il tempo.

Gusto delicato, prodotto facilmente deperibile

"Chiaramente, i prodotti deperibili perdono valore con il passare del tempo", sottolinea Vincent Omer-Decugis, "e questo può creare un ambiente di lavoro stressante". "Nella nostra attività, abbiamo due priorità: la frutta e i consumatori", spiega Vincent. "Ma ogni volta che tocchiamo la frutta, per esempio in fase di raccolto, imballaggio, trasporto e maturazione, la danneggiamo. Per questo motivo, ci adoperiamo per minimizzare la possibilità di danni in ciascuna fase dell’itinerario. Dobbiamo assicurarci che la frutta tropicale venga maneggiata il meno possibile in tutti gli step della catena di fornitura, dall’azienda agricola al cliente: IFCO condivide pienamente questa strategia".

La strategia in questione viene applicata a partire dalla più antica piantagione di ananas dell’America Latina, situata nelle vicinanze di Santo Domingo, a 0° di latitudine. Avviata nel 1961 da due americani avventurosi e inglobata nel gruppo Omer-Decugis & Cie nel 2002, la piantagione vanta un’area di oltre 2.100 ettari, con una produzione annuale di 55.000 tonnellate. La maggior parte degli ananas (il 70% del totale) è destinata al mercato europeo.

Perché la strategia di protezione degli ananas freschi ha inizio presso la piantagione?

La deperibilità degli ananas è uno dei principali motivi per cui SIIM provvede alla loro diretta sistemazione in cassette RPC IFCO presso la piantagione ecuadoriana. Il design delle RPC IFCO, che garantisce un’elevata protezione, consente di imballare gli ananas freschi riducendone al minimo la manipolazione.

Questo a sua volta consente di evitare ammaccature e assicura il raffreddamento della frutta nel più breve tempo possibile. Un processo di raffreddamento più rapido presso la piantagione consente di evitare la maturazione prematura della frutta, incrementandone dunque la durata di conservazione e riducendo perdite e sprechi. I prodotti vengono quindi trasportati in condizioni ottimali, cosa che in questo contesto significa basse temperature, protezione e ventilazione adeguata a garanzia di una maturazione più uniforme.

Quali rischi affrontano gli ananas in fase di trasporto?

Al fine di quantificare gli esclusivi vantaggi offerti dalle RPC IFCO rispetto agli imballaggi monouso, è necessario per prima cosa comprendere le difficoltà affrontate in fase di trasporto e protezione degli ananas freschi durante la traversata atlantica. Estremamente suscettibili alla muffa e ai patogeni, gli ananas corrono rischi sostanziali di deterioramento durante il trasporto oceanico a lunga distanza.

In questa fase, una costante ventilazione è fondamentale.

Un flusso d’aria inadeguato all’interno della cassetta refrigerata rischia di innescare prematuramente il processo di maturazione.

Una corretta ventilazione rimuove il calore e mantiene al minimo la percentuale di gas di maturazione nell’atmosfera, come etilene e CO2 prodotti dagli ananas.

Dal momento che il trasporto dei prodotti freschi nelle RPC IFCO consente una migliore regolazione del flusso d’aria, è più probabile che l’intero carico giunga al cliente in condizioni ottimali.

"Questo frutto è estremamente sensibile alle variazioni di temperatura, ai flussi d’aria, agli impatti e alla pressione", spiega David Paillasson, Commercial Director presso IFCO. "Di conseguenza, il trasporto degli ananas freschi richiede la massima cura e specifici controlli della temperatura al fine di salvaguardarne la dolcezza, la freschezza, la texture croccante e l’inconfondibile fragranza".

Quali sono i fattori che garantiscono un’adeguata protezione degli ananas freschi trasportati nelle RPC IFCO? Abbiamo trovato le risposte grazie a un progetto pilota.

"Dobbiamo assicurarci che la frutta tropicale venga maneggiata il meno possibile in tutte le fasi della supply chain, dall’azienda agricola al cliente: IFCO condivide pienamente questa strategia"

Vincent Omer-Decugis , CEO di Omer-Decugis & Cie

Qual è il tipo di imballaggio più efficace per proteggere gli ananas?

Al fine di individuare l’imballaggio ottimale per la protezione degli ananas freschi, nel 2020 SIIM ha avviato un progetto pilota in collaborazione con IFCO. L’iniziativa ha previsto in primo luogo la spedizione di RPC IFCO, sanificate e a uso alimentare, alla piantagione di ananas in Ecuador, dove gli ananas Extra Sweet Terrasol sono stati imballati in cassette riutilizzabili direttamente presso i centri di imballaggio in loco.

Gli ananas freschi sono stati quindi spediti in Europa utilizzando i medesimi container refrigerati usati per l’invio delle RPC IFCO, sottoposti al processo di maturazione a Rungis e infine trasportati presso i dettaglianti. Durante l’intero itinerario – imballaggio in piantagione, trasporto, processo di maturazione, consegna al dettagliante e vendita al cliente – gli ananas sono rimasti nelle robuste RPC IFCO.

"Il nostro sistema one-touch ci ha consentito di dimostrare come le RPC IFCO offrano una protezione ottimale dai danni, a partire dal raccolto e in tutte le fasi del viaggio, con il cliente come destinazione", aggiunge Paillasson.

Le RPC IFCO vuote vengono quindi ritirate presso la sede del dettagliante e trasportate ai centri di lavaggio IFCO dedicati, dove vengono sanificate e preparate per la successiva spedizione diretta in Ecuador.

Cassette durevoli e resistenti per proteggere frutti dolci e delicati

Contrariamente agli imballaggi monouso, le RPC IFCO sono robuste e caratterizzate da un design standardizzato ottimale, un aspetto che assicura un impilaggio agevole e uniforme e, di conseguenza, l’ottimizzazione della capacità di stoccaggio nei container. Il materiale robusto e durevole e le caratteristiche esclusive delle RPC IFCO supportano il carico delicato, proteggendo quindi gli ananas freschi durante tutte le fasi dell’itinerario.

I risultati favorevoli del test non hanno sorpreso, dal momento che SIIM aveva già osservato i vantaggi offerti dalle RPC IFCO nel trasporto delle banane. SIIM fa uso di contenitori in plastica riutilizzabili già dal 2018, per spedire le sue banane Selvatica dall’Ecuador, ed è era già convinta degli straordinari vantaggi da essi garantiti.

"Le RPC IFCO possono essere impilate in modo ottimale", conferma Vincent Omer-Decugis. "Le RPC IFCO sono sicuramente il metodo di imballaggio più efficiente durante il trasporto dall’azienda agricola al consumatore o, in altre parole, durante tutte le fasi della catena di fornitura, e questo è per noi molto importante".

Qual è l’importanza della biodiversità e dell’agricoltura sostenibile?

Esistono numerosi altri validi motivi per cui SIIM ha deciso di operare in stretta collaborazione con IFCO. Essenzialmente, i valori di entrambe le organizzazioni risultano perfettamente allineati sotto più di un aspetto. SIIM, una consociata del gruppo Omer-Decugis & Cie, e IFCO attribuiscono entrambe grande importanza alla responsabilità sociale delle aziende.

Il gruppo Omer-Decugis & Cie è stato fondato nel lontano 1850 e si trova nelle mani capaci della medesima famiglia da ben sei generazioni. Come i suoi predecessori, Vincent Omer-Decugis è fermamente convinto della necessità di un’agricoltura sostenibile e di prestazioni sociali lungo l’intera filiera. Di conseguenza, le attività agricole sono certificate ai sensi dello standard GlobalGAP e l’azienda partecipa attivamente alla Business Social Compliance Initiative (BSCI), , che garantisce ai lavoratori un salario adeguato e la possibilità di operare in un ambiente sicuro e pulito.

I tre principi che definiscono il nucleo dell’attività aziendale si rifanno altresì agli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite:

  • Agricoltura sostenibile,all’insegna di sicurezza alimentare, tracciabilità e prassi agricole esemplari

  • Applicazione di una strategia di performance sociale in tutte le fasi della filiera, basata fra l’altro sulla garanzia di retribuzioni eque e sulla protezione sociale dei lavoratori

  • Protezione della biodiversità e delle risorse naturali, con particolare attenzione nei confronti della decarbonizzazione e della neutralità delle emissioni di carbonio

La società si è posta l’ambizioso obiettivo di provvedere alla decarbonizzazione delle attività, ovunque possibile. Laddove ciò risulti impossibile, essa ha sottoscritto un programma finalizzato alla protezione della foresta pluviale ecuadoriana. Di conseguenza, gli ananas riportano il marchio di certificazione della Rainforest Alliance: ciò significa che vengono coltivati nel rispetto dei rigorosi standard sociali e ambientali necessari ai fini del conseguimento del marchio di qualità della Rainforest Alliance.

"Avere la possibilità di imballare i prodotti alla fonte, con l’ulteriore vantaggio di impiegare una cassetta riutilizzabile, è una strategia conforme agli obiettivi di sostenibilità", spiega Vincent Omer-Decugis. "La riutilizzabilità contribuisce alla decarbonizzazione dei nostri processi"

Le collaborazioni basate sulla fiducia promuovono fiducia

Il fatto che i consumatori siano sempre più consapevoli dell’impronta ecologica dei loro carrelli della spesa rappresenta uno sviluppo positivo, afferma Vincent Omer-Decugis. "I consumatori sono alla ricerca di catene di fornitura affidabili", dichiara. "Desiderano una maggiore trasparenza, un maggiore impegno dal punto di vista ambientale e sociale e prove concrete dell’effettiva capacità di una catena di fornitura di garantire prodotti senza rivali in termini di qualità".

Questa tendenza manifestata dai consumatori, aggiunge Vincent Omer-Decugis, rappresenterà il principale catalizzatore del settore. Egli prevede una maggiore integrazione fra le varie fasi della catena di fornitura e una loro maggiore trasparenza, un incremento della cooperazione e collaborazione fra i vari stakeholder e un maggiore impatto nell’ambito delle comunità locali. Complessivamente, questo porterà a un’offerta di prodotti di migliore qualità al cliente, nonché l’implementazione di strategie più efficienti per la protezione degli ananas, delle banane e della frutta esotica fresca in generale.

Quale futuro per l’industria degli ananas?

"La strategia futura consiste nell’instaurare stretti rapporti di collaborazione, caratterizzati da contratti e visibilità a lungo termine, con aziende agricole, dettaglianti e la stessa IFCO, consentendoci così di formulare tutti insieme una serie di innovazioni. In assenza di una piena comprensione dei processi in gioco in tutte le fasi del processo, diventa estremamente difficile provvedere agli investimenti necessari per garantire le innovazioni richieste nel settore".

Questo approccio viene descritto da Vincent Omer-Decugis come una serie di "rapporti equilibrati" con tutti gli stakeholder nell’ambito della catena di fornitura dei prodotti freschi. "Poter contare su rapporti stabili ed equilibrati rappresenta l’unica garanzia di una costante crescita e sviluppo nel futuro e del proseguimento delle attività di produzione, importazione e consegna di derrate alimentari alla clientela. Un rapporto che non sia equilibrato in qualsiasi fase non può essere duraturo".

"L’allineamento di valori e strategie aziendali è il presupposto di una collaborazione ottimale", riassume Vincent Omer-Decugis: "Nel contesto della catena di fornitura dei prodotti freschi, instaurare un rapporto del genere è un processo complesso e richiede parecchio tempo: alla fine, però, ne vale la pena".

Questi articoli saranno anche interessanti per voi

Maggiore efficienza per l’impresa argentina La Anónima grazie agli RPC per carni IFCO

continua a leggere

HelloFresh casi di riferimento : Una fiorente azienda alimentare opera...

continua a leggere

Stay up to date

Want the latest fresh food packaging industry knowledge delivered straight to your inbox? Subscribe to our newsletter and get the latest news, trends, articles and more!

Acconsento a ricevere comunicazioni da IFCO e al trattamento dei miei dati personali. Vorremmo contattarti occasionalmente al fine di informarti in merito ai nostri prodotti e servizi ad esempio, via e-mail), nonché ad altri contenuti che potrebbero essere di tuo interesse. Se acconsenti, spunta la casella. Potete ritirare il vostro consenso in qualsiasi momento. Ti invitiamo a consultare la nostra informativa sulla privacy per ulteriori informazioni in merito al trattamento sottostante dei dati personali. *
shareshareshare