Una novità assoluta per i contenitori riutilizzabili: Certificazione Cradle to Cradle®, con livelli Silver e Gold!

written by Michael Pooley, 11th Maggio 2021, in CEO Insights

In quanto CEO, questa occasione rappresenta per me un motivo di particolare orgoglio. Siamo la prima e unica azienda al mondo ad aver ottenuto la prestigiosa certificazione Cradle-to-Cradle® per contenitori riutilizzabili. Il nostro intero portafoglio europeo di RPC Lift Lock vanta ora la certificazione Cradle to Cradle Certified® di livello Silver. Abbiamo inoltre ottenuto la certificazione di livello Gold per il riutilizzo dei materiali e questo, a mio parere, rappresenta la ciliegina sulla torta.

Questa certificazione è un’ulteriore prova dell’impegno sottoscritto da IFCO nei confronti dell’innovazione sostenibile e dei principi di un’economia circolare.

Obiettivo del modello lineare

La maggior parte delle aziende leader conosce bene gli svantaggi presentati dall’approccio tradizionale al design industriale. L’approccio tradizionale alla produzione è sempre stato prevalentemente lineare: troppo spesso, ha inizio con lo sfruttamento delle nostre risorse naturali e si conclude con lo scarico di rifiuti nell’ambiente naturale. Nelle fasi intermedie, vale a dire produzione e consumo, questo modello lineare spesso contamina l’ambiente, oltre a creare rifiuti aggiuntivi.

Gli imballaggi monouso in plastica rappresentano una larga percentuale di tali rifiuti. Secondo le informazioni più recenti pubblicate dall’UE, i rifiuti da imballaggio in plastica accumulati fra il 2008 e il 2018 ammontano a ben 14,8 milioni di tonnellate. Particolarmente negativa è risultata la performance della Germania, dove ciascun abitante genera ora in media 227,5 kg di rifiuti da imballaggio in un solo anno. Per contro, in Croazia, la media generata è pari a 67,8 kg per abitante.

Questo accumulo di rifiuti può essere fatto risalire in ampia misura all’antiquato approccio lineare al design, giustamente noto come "cradle-to-grave", vale a dire dalla culla alla tomba. Benché questo modello sia ancora dominante nella maggior parte del settore manifatturiero moderno, non mancano segnali incoraggianti che ne fanno presagire un imminente abbandono e la sostituzione con una nuova soluzione.

Il merito di questo potenziale abbandono del modello lineare può essere attribuito a due noti scienziati, il chimico e professore tedesco Michael Braungart e l’architetto statunitense William McDonough. Ormai da alcuni decenni, i due scienziati sostengono la necessità di abbandonare i modelli "cradle-to-grave", promuovendo un approccio più efficiente e sostenibile ai processi di produzione, ribattezzato Cradle to Cradle, vale a dire "dalla culla alla culla".

Cosa significa Cradle to Cradle?

Come spiegato in maniera convincente dai due scienziati nella loro importante pubblicazione Dalla culla alla culla: Come conciliare tutela dell’ambiente, equità sociale e sviluppo, il design Cradle to Cradle è basato su principi lungimiranti e orientati al futuro. Nelle pagine compostabili del volume, originariamente pubblicato nel 2002, Braungart e McDonough spiegano come il modello cradle-to-grave si sia affermato come l’approccio comunemente accettato (e allo stesso tempo altamente dannoso) ai processi di produzione, delineando inoltre le modalità di adozione dei principi del design Cradle to Cradle.

Quali sono, oggi, i principi fondamentali del modello Cradle to Cradle ? In parole povere, questa filosofia rifiuta la cultura dello scarto e i processi di produzione nocivi o all’insegna degli sprechi. Come ha elegantemente affermato McDonough in molte sue conferenze, non c’è "via" quando si butta via qualcosa: quello che si butta deve finire da qualche parte, e la "parte" in questione è solitamente l’ambiente.

Cradle to Cradle è sinonimo di innovazione, qualità e design efficiente. In più, prevede un utilizzo dei materiali a carattere ciclico, sicuro e potenzialmente infinito. Si tratta di produrre tenendo a mente le generazioni future, un approccio dunque perfettamente allineato a quella che è la mia filosofia per IFCO.

IFCO: design con uno scopo preciso

Quando Michael Braungart descrive l’arte della progettazione degli imballaggi, usa le stesse convincenti argomentazioni di IFCO. Secondo Braugart, l’imballaggio non deve essere mai considerato un rifiuto, ma piuttosto un nutriente tecnico, destinato a quella che il professore definisce la tecnosfera, oppure un elemento compostabile destinato alla biosfera naturale.

Devo ammettere che, quando ho saputo che Braungart è un grande sostenitore dei nostri contenitori riutilizzabili e del nostro sistema di pooling, mi sono sentito incredibilmente orgoglioso. In una recente intervista, Braungart ha dichiarato al team IFCO che la nostra soluzione è il perfetto esempio di come utilizzare il materiale plastico giusto per la finalità giusta.

"Considero i contenitori riutilizzabili IFCO una soluzione ottimale. Vengono progettati con una finalità ben precisa sia dall’inizio, offrendo un sistema sicuro, sano ed esente da rischi."

Professor Dott. Michael Braungart, Ideatore della filosofia Cradle to Cradle

"Nella fase di riutilizzo e riciclaggio del materiale, è importante sapere e garantire che tutti i materiali siano sicuri e non presentino alcun rischio, e questo è esattamente l’approccio adottato da IFCO", ha affermato Braungart. "Ecco perché ritengo che i contenitori riutilizzabili IFCO sia una soluzione ottimale. Vengono progettati con una finalità ben precisa sia dall’inizio, offrendo un sistema sicuro, sano ed esente da rischi. Ciò che è particolarmente degno di nota riguardo alla soluzione IFCO è che tutti i flussi di materiale sono ben definiti: si tratta di un fantastico sistema che non pone rischi per la salute".

In che modo ha luogo la certificazione di un design cradle-to-cradle?

La visione di un approccio al design industriale meno dannoso sviluppata da Braungart trova altresì riscontro nella norma Cradle to Cradle per la certificazione dei prodotti, applicato dal profit Cradle to Cradle Products Innovation Institute, organizzazione senza scopo di lucro fondata nel 2010. Si tratta dell’istituto che ha accordato al nostro portafoglio europeo di RPC Lift Lock la certificazione Cradle to Cradle Certified® di livello Silver.

L’aspetto particolarmente significativo della certificazione Cradle to Cradle sta nel fatto che il riconoscimento non è semplicemente un’istantanea di un singolo prodotto in un particolare momento. Il processo di certificazione prevede infatti una verifica approfondita delle attività produttive. In più, la certificazione viene accordata soltanto qualora il produttore si sia impegnato in maniera chiara ed evidente a integrare maggiormente i modelli circolari nei suoi processi in futuro.

Ispirazione per future innovazioni

IFCO si impegna seriamente a migliorare la sostenibilità dei propri processi, prodotti e servizi. Sin dalla nostra fondazione quasi trent’anni fa, abbiamo costantemente rivisitato il concetto dell’imballaggio per i prodotti freschi, definendo e riformulando le modalità di riutilizzo, ricupero e riciclaggio del packaging nelle diverse fasi della catena di fornitura.

Questa certificazione conferma il carattere innovativo dei nostri processi. Il fatto che le RPC Lift Lock IFCO siano gli unici contenitori riutilizzabili al mondo ad aver ricevuto il riconoscimento Cradle to Cradle Certified® da parte di questo istituto indipendente non fa che confermare il nostro impegno nei confronti di un sistema alimentare sostenibile, riconoscendo inoltre il nostro prezioso ruolo nell’ambito della catena di fornitura dei prodotti freschi. Cosa particolarmente importante, i prodotti in possesso di certificazione Cradle to Cradle offrono ai nostri clienti (e ai loro clienti) una garanzia di trasparenza per quanto riguarda le operazioni IFCO.

Accogliamo e apprezziamo la certificazione come un riconoscimento del nostro costante impegno a far fronte alle problematiche ambientali, sociali e di governance nell’ambito della nostra attività e della catena di fornitura alimentare, a ulteriore dimostrazione della nostra totale dedizione nei confronti delle iniziative volte a contrastare il cambiamento climatico.

Il futuro è circolare

Oggigiorno, la filosofia Cradle to Cradle e il concetto di economia circolare si stanno diffondendo, grazie in parte a pionieri come Braungart e McDonough. Siamo orgogliosi di contribuire in maniera attiva alla loro visione di un mondo industriale più sostenibile, nonché all’abbandono di un approccio al design riassumibile con la formula prendi-produci-scarta. Grazie a questa certificazione Cradle to Cradle, i nostri clienti e i clienti di questi ultimi possono essere certi della sostenibilità delle nostre pratiche. Stiamo reagendo al cambiamento climatico, formulando standard rigorosi per quanto riguarda la gestione delle problematiche ambientali, sociali e di governance nell’ambito della catena di fornitura dei prodotti freschi.

Questi articoli saranno anche interessanti per voi

Stay up to date

Want the latest fresh food packaging industry knowledge delivered straight to your inbox? Subscribe to our newsletter and get the latest news, trends, articles and more!

Acconsento a ricevere comunicazioni da IFCO e al trattamento dei miei dati personali. Vorremmo contattarti occasionalmente al fine di informarti in merito ai nostri prodotti e servizi ad esempio, via e-mail), nonché ad altri contenuti che potrebbero essere di tuo interesse. Se acconsenti, spunta la casella. Potete ritirare il vostro consenso in qualsiasi momento. Ti invitiamo a consultare la nostra informativa sulla privacy per ulteriori informazioni in merito al trattamento sottostante dei dati personali. *
shareshareshare